Disarmo

"L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali" - ART.11 Cost.


Nel luglio del 2017 l’Organizzazione delle Nazioni Unite ha votato il Trattato per la proibizione delle armi nucleari (TPNW)
che rende illegale non solo l’uso, ma anche lo sviluppo, i test, la produzione, il commercio, il possesso, l’immagazzinamento, l’installazione e il dispiegamento di armi nucleari. Il 22 gennaio 2021, il Trattato è entrato in vigore per i primi 51 Stati che lo hanno ratificato. Ad oggi i firmatari sono 86. L’Italia non è tra questi. Nel nostro Paese sono ancora presenti ordigni nucleari in alcune basi della Nato e sono in atto lavori per strutture che possano ospitare nuovi aerei (F35) in grado di trasportare bombe nucleari di “nuova generazione”.

Locandina Presidio 6 agosto 2021
Nella tradizione dei movimenti per la pace di ideali e fedi diverse, Casa della pace aderisce convintamente alla campagna "Italia, ripensaci!" promossa da Rete Italiana Pace e Disarmo e Campagna Senzatomica, affinché anche il nostro Parlamento ratifichi il Trattato dell’ONU. In poco tempo l'appello promosso nel nostro territorio raccoglie oltre mille firme di cittadini. Il testo diffuso insieme alla raccolta firme aggiunge, alla scelta ineludibile espressa dall’art. 11 della Costituzione, la posizione di Papa Francesco a Hiroshima (“L’uso dell’energia atomica per fini di guerra è immorale, allo stesso modo è immorale il possesso delle armi atomiche”) e invita ciascuno ad essere responsabile della costruzione di un futuro di pace e giustizia.


Nel luglio 2021, come molti altri comuni italiani, il Consiglio Comunale di Parma ha approvato, senza voti contrari, una mozione di sostegno al Trattato e alla Campagna “Italia ripensaci!”. "Il Comune di Parma nel suo Statuto – spiega il consigliere Sandro Campanini - ripudia la guerra come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali e riconosce nella pace un diritto fondamentale della persona e dei popoli." L’obiettivo della mozione non è solamente di testimonianza, ma anche concreto, sostenendo tutte le iniziative, anche quelle che partono dal "basso". L’auspicio è che anche altri Consigli comunali del parmense assumano una analoga mozione.


Nel settembre dello stesso anno, anche il Consiglio Provinciale di Parma ha aderito all'appello di Casa della Pace.

Il Consiglio Comunale ha lanciato poi un ulteriore appello il 25 febbraio 2022 affinché l'Italia sottoscriva il Trattato ONU e partecipi alla Prima Conferenza degli Stati parti del Trattato, in programma per giugno 2022 a Vienna, in linea con le mozioni approvate precedentemente. Il governo italiano ha deciso di non partecipare.


Clicca qui per scaricare i documenti della campagna "italia, Ripensaci!"



Marcia perugia assisi ott 2021
 

Alcune Nostre iniziative Per sensibilizzare suL temA DEL DISARMO:

  1. Il 6 agosto di ogni anno, giorno anniversario, Casa della Pace organizza a Parma in Piazza Garibaldi, un Presidio per ricordare le vittime di Hiroshima e Nagasaki. 
  2. Il 26 settembre 2021, Giornata Internazionale per l'eliminazione totale delle armi nucleari, ha partecipato all'iniziativa nonviolenta a Ghedi, sede di una base militare Nato, dove è confermata la presenza di testate nucleari.   
  3. Contribuisce a favorire la partecipazione alle Marce della Pace Perugia - Assisi, come quella del 10 ottobre 2021 dedicata a Gino Strada.
PER SAPERNE DI PIU'



Riconoscere lo Stato di Palestina
Disarmo

Riconoscere lo Stato di Palestina

E’ necessario e urgente esporre la bandiera palestinese per riconoscere lo Stato di Palestina, per il cessate il fuoco, per fermare il genocidio, sulla scia di altri comuni italiani come Bologna e Pesaro.


Economia a mano armata 2024. Spesa militare e industria delle armi in Europa e in Italia
Disarmo

Economia a mano armata 2024. Spesa militare e industria delle armi in Europa e in Italia

E' uscito ad inizio maggio 2024 il nuovo rapporto di Sbilanciamoci! e Greenpeace che offre dati, ragioni e argomenti sull'estendersi dei conflitti, l’aumento delle spese militari, e i rischi di catastrofe del mondo di oggi e quello che possiamo…


L'attacco alla legge 185/90
Disarmo

L'attacco alla legge 185/90

Continua senza sosta l’iter del DDL di modifica della L.185/90, che assicura il controllo su importazione, esportazione e transito degli armamenti. Il Governo sta cercando di indebolire il controllo e la trasparenza sulla vendita delle armi – La…


Uscire dalla follia della guerra
Disarmo

Uscire dalla follia della guerra

Pugliese per comune-info si interroga su come siamo arrivati a ritenere la guerra un dato permanente del nostro tempo e cosa possiamo fare per spezzare le catene della violenza e del riarmo. Associazione EMERGENCY invece ci offre un corto che…


Presidio in piazza Garibaldi per chiedere il cessate il fuoco immediato a Gaza
Disarmo

Presidio in piazza Garibaldi per chiedere il cessate il fuoco immediato a Gaza

Moltissime associazioni e cittadini della nostra città hanno partecipato ad un presidio per mandare uniti un messaggio di Pace, Giustizia per i popoli oppressi, rispetto della vita umana e chiedere un cessate il fuoco da entrambe le parti.

 
design komunica.it | cms korallo.it